Firenze, le chiavi della città a Mika

Il 10 Gennaio 2018 si è tenuta presso la Sala Leone X di Palazzo Vecchio in Firenze, la cerimonia di consegna delle chiavi della città, da parte del sindaco Dario Nardella, al cantante libanese, naturalizzato britannico, Mika. L’occasione per cui è stata consegnata questa prestigiosa onorificenza al celebre cantante pop del panorama internazionale è per la grande sensibilità mostrata verso il mondo dell’arte e della cultura, sia nella veste di artista, che come cantante e infine anche come showman carismatico di grande successo, aiutando la formazione, la sensibilizzazione e la promozione della cultura non solo musicale, nel mondo delle nuove generazioni.

“Un ringraziamento a nome della città di Firenze e allo stesso tempo un incoraggiamento a continuare a portare avanti molti progetti insieme a noi.” Queste le parole del Sindaco Dario Nardella, che sottolineando le passate collaborazioni di Mika, come quella che lo ha legato al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, ha ricordato anche come il cantante sia un esempio da seguire, nella battaglia per i diritti e il riconoscimento della dignità della persona, potendo così ogni individuo affermare liberamente la propria personalità contro ogni forma di omofobia e razzismo.

“Queste chiavi rappresentano un forte legame che mi lega alla città di Firenze, sono molto orgoglioso di questo riconoscimento. Firenze è una città molto divertente, molto viva, dove ogni volta che vengo mi diverto tantissimo. La prima volta che sono arrivato, mi sono sentito come se fossi ad una riunione con un amico che già conoscevo da molto tempo”. Queste le parole di Mika che con un po’ di emozione aggiunge: “ieri sono riuscito a visitare la Cappella Brancacci, questo masterpiece del rinascimento fiorentino in tutta intimità, non c’era nessuno in chiesa e il parroco, mi ha permesso di provare anche un po’ di esercizi vocali, un test dell’eco, è stato meraviglioso, se ci fosse la possibilità mi piacerebbe poter fare un concerto lì dentro.”

Nel corso del suo ringraziamento, Mika, si è anche espresso sul tanto dibattuto cambio di finale della Carmen, in scena in questi giorni presso il Teatro dell’Opera di Firenze aggiungendo: “sono contento che Carmen non muoia. Una donna non deve sempre essere un’eroina nella morte, una donna deve poter essere un’eroina anche senza morire”.
Epilogo divertente per i presenti è stata infine la confessione circa il messaggio ricevuto dalla madre, per fargli gli auguri in occasione della cerimonia: “mi ha detto, mi raccomando certe volte sei un po’ un idiota con tutte le cose che hai avuto la fortuna di tenere per le mani, e soprattutto con tutte le chiavi che hai nella tua vita, ma queste chiavi per favore, guarda di non perderle.” Sforzandosi così metaforicamente di non perdere le chiavi ricevute oggi come riconoscimento dalla città di Firenze, la cerimonia di consegna si è conclusa con l’impegno da parte del cantante di tornare presto e di divertirsi quanto prima insieme al pubblico fiorentino con nuovi interessanti progetti.

Testo a cura di ©Simone Teschioni
Fotografie a cura di ©Simone Teschioni

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...