Wired Next Fest 2017 – Laura Boldrini

Ospite d’onore dalla prima mattinata del Wired Next Fest 2017 è la Presidente della Camera dei Deputati, Laura Boldrini, che è intervenuta sul palco allestito presso il Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio, nell’incontro dedicato alle Fake News e a come difendersi dagli effetti che producono. L’importanza della tutela per le nuove generazioni che navigano in rete, come strumento contro il cyber bullismo. Educare la gente ad avere maggiore responsabilità sui contenuti pubblicati in modo che la rete non diventi un far west, o come definito dalla stessa Laura Boldrini, un “Far Web”. Mettere in guardia i giovani su quella che è l’amplificazione e la velocità di diffusione che le notizie hanno on-line. Un sistema che viene definito come diabolico, che nel dibattito quotidiano, altera il sistema democratico. Circa poi il tema dei “Confini”, oggetto del Wired Next Fest 2017, l’intervento del Presidente della Camera dei Deputati, si è chiuso sottolineando come il confine possa essere allo stesso tempo l’inizio della libertà, ma anche il limite più grande che questa possa incontrare.
Trattenendosi poi con la stampa in una piacevole intervista, attraverso le domande dei giornalisti sullo “Ius Soli” e le Fake News, riportiamo qui le dichiarazioni rilasciate anche ai microfoni di LeVentoNews.com.

Circa lo “Ius Soli” e gli sforzi per la sua approvazione: “Beh io mi auguro che lo sforzo venga fatto fino in fondo fino alla fine perché è molto atteso questo risultato nel paese. Tante associazioni laiche e cattoliche si stanno impegnando sullo “ius soli”, ci sono centinaia di migliaia di giovani che se lo aspettano perché era stato loro promesso, dunque non bisogna disattendere questa aspettativa. Mi auguro che si provino tutte le strade, dopo di che dobbiamo prendere atto della realtà.

Parlando poi delle Fake news interviene ai microfoni dicendo: “Le Fake News sono un veleno, un veleno che viene scientemente distribuito per inquinare il dibattito pubblico attraverso la menzogna. Inventare ai danni di qualcuno, qualcosa che quella persona non ha mai detto e fatto è un reato. Penso che noi dobbiamo essere consapevoli che le Fake News non sono goliardate ne scherzi, non c’è niente da ridere, quando si parla di calunnie. C’è invece da lavorare sodo perché ognuno si assuma la propria responsabilità”.

Continua poi dicendo: “Le Fake News hanno diverse origini e comunque sia, penso che quando si prospettano situazioni in cui ad esempio il sessismo viene usato come strumento politico arriviamo al confine per cui basta un passo e andiamo oltre il normale dibattito democratico. Invocare lo stupro verso le avversarie politiche ad esempio è qualcosa di inaccettabile; ho visto situazioni in cui anche qui in Italia è stato fatto questo da persone che ricoprono ruoli istituzionali, non è accettabile in una democrazia siamo oltre. La responsabilità è fondamentale. L’odio è un problema serio. Circa le mie esperienze personali, ho deciso di denunciare tutti coloro che insultano e minacciano. Non sono disposta a seguire e prestarmi a questo regime. Chi dice certe cose se ne deve assumere le responsabilità e quindi è necessario farlo in nome e per conto di tante persone che sono oggetto di violenze e non hanno gli stessi miei strumenti”.

Conclude infine dando un messaggio ai giovani: “All’odio non si risponde con l’odio. Dobbiamo reagire attraverso gli strumenti che abbiamo a disposizione nel nostro ordinamento. Rivolgetevi a chi di competenza. In uno stato di diritto è inaccettabile che le Fake News permettano alle persone di vivere di odio”.

Testo e foto a cura di ©Simone Teschioni

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...